Nuovo Cinema Balermus - Quarto Tempo Palermo
Comunità, cooperazione, conoscenza e condivisione: quattro C alla base del nostro pensiero.
Quarto Tempo, Palermo, cultura, coworking, servizi, didattica, corsi, eventi, arte
349735
post-template-default,single,single-post,postid-349735,single-format-standard,eltd-cpt-1.0,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,moose-ver-1.0, vertical_menu_with_scroll,smooth_scroll,fade_push_text_right,blog_installed,wpb-js-composer js-comp-ver-4.6.2,vc_responsive

Nuovo Cinema Balermus

Domenica 28/01/2018 dalle ore 18:00 alle ore 23:00

Dalla collaborazione di GinkGo e Quarto Tempo nasce: “Nuovo Cinema Balermus” un evento straordinario nella suggestiva ed incantevole cornice del “Complesso monumentale dello Spasimo”.

Il visitatore che attraversa le porte dello Spasimo si ritrova ad essere anch’esso attore protagonista di un percorso incantato, in una dimensione sospesa nel tempo ma in costante mutamento.

Accompagnato da folletti, attori e musicisti, il visitatore attraversando le varie “scene”, fatte d’istallazioni, proiezioni ed interazioni creative, vivrà un’esperienza unica ed irripetibile.

Sullo sfondo una pietra miliare del grande schermo, “Nuovo Cinema Paradiso ” di Giuseppe Tornatore, un simbolo della sicilianità nel mondo e al contempo un esempio evidente della potenza comunicativa del cinema, emblema esso stesso dell’equilibrio armonico delle diverse forme d’arte, dalla musica alla scenografia passando attraverso la recitazione e la danza.

Le scenografie saranno curate dall’artista Gisella Leone.
La compagnia di Alessandro Ienzi “ Il Teatrino ” curerà la parte teatrale.
Il momento di danza vedrà protagonista la danzatrice siciliana Silvia Giuffrè.
Lo spettacolo con il fuoco sarà a cura della compagnia ” I Fuocolesi “,
E infine il concerto con ” Angelo Daddelli & I Picciotti ” chiuderà l’evento.

Saranno presenti diverse esposizioni tra cui i Cinebatik del Collettivo Legrì e una panoramica di schizzi dell’artista Piera Sagri

Nell’epoca dei film di consumo e dei Multisala offriamo un’alternativa, destrutturando il film in una nuova forma, che da una semplice proiezione si trasforma in un momento di arricchimento culturale, che ci riporta alle origini e che ci consente di costruire un ponte tra passato, presente e futuro attraverso le molteplici forme espressive che dal cinema sono racchiuse.

 

AUTHOR: Amministratore
No Comments

Sorry, the comment form is closed at this time.